Nanni Balestrini

Nanni Balestri avrebbe dovuto essere con noi il prossimo venerdì. Ma i grandi artisti lasciano più di quello che si portano via: lo leggeremo ancora e lo conosceremo ancora.

Poeta, romanziere e artista visivo nato a Milano il 2 luglio 1935, vive attualmente a Roma.
Agli inizi degli anni ’60 fa parte dei poeti “Novissimi” e del “Gruppo 63”, che riunisce gli scrittori della neoavanguardia.
Nel 1963 compone la prima poesia realizzata con un computer.
È autore, tra l’altro, del ciclo di poesie della “signorina Richmond” e di romanzi sulle lotte politiche degli anni Settanta comeVogliamo tutto e Gli invisibili.
Ha svolto un ruolo determinante nella nascita delle riviste di cultura «Il Verri», «Quindici», «Alfabeta», «Zoooom». Nel campo delle arti visive, ha esposto in numerose gallerie in Italia e all’estero. Nel 1993 è presente alla Biennale di Venezia e nel 2012 a Documenta di Kassel. Di recente è uscita in tre volumi la sua opera omnia di poesia per DeriveApprodi e il poema L’Esplosione nelle edizioni del Verri.



Di seguito la breve presentazione e i testi che ci ha inviato:


da Atti Pubblici, in  Caosmogonia e altro (2018)

33

giri intorno al

            nel letto come un’anguilla

sembra che non ti fermi mai

             leggendo tutto sulla

la schiena liscia pallida

             lasciata davanti a te

la scia di sempre che

             fai un bel respiro

chi ha voglia di capire

             quel bacio lunghiss

imo nella fontana salata

             quel sogno sfumato

all’ultimo gradino

             mia salisci tossisci

toccando quando con

             faceva buchi nel cielo

chissà cosa vuol dire

             graffi nel vinile

la vita gratis che

             girati adesso da

ll’altra parte

             dì trentatrè ripeti

e continua a girare

             ci siamo quasi

sempre più in fretta

             ispira col naso

batte sempre uguale

             ritrovarsi ridotti

qui ancora a dire fare

             per arrivare a

adesso non respirare

             sani salvi e non sapere

più chi siamo nè

*

ut

non aveva mai visto niente

            o per sentito dire

simile o diverso

            parole vuote le  

abbiamo tutti lo stesso

            chiunque faccia lo

non si può farne a meno

            proviamone un’altra

come un mezzo oppure fine

            posizione verticale

fino in mezzo alla

            non me l’hai mai detto

devi per forza farcela

            forse ci metti troppa

ancora una volta sola

            poi volano via

dove vogliamo increduli

            seduti per terra e

c’è un sacco di

            perpendicolare avviando

mescola bene

            anche se sospesi

separati rimangono

            adesso partiamo ma

mi ricordo che

            destinazione libera

diceva sempre

            quanto vuota sia la

ma forse oggi solo ci rendiamo

            vuota la vita senza

pienamente conto di quanto

            non è il caso di agitarsi

utopie senza le

*

previsioni

agitando il ventaglio

              aggirando gli ostacoli

nel ventre delle emozioni

              diventa strabico

colori snodati

              tra le labbra e le

vorremmo crederci

              azioni consensuali

vedere tutto dal punto di

              forse ti piacerà anche questo

nostre vite e i nostri cambiamenti

              dal punto di vista di

nostri corpi e le nostre menti

              modi di dire e i modi di fare

tutto a portata di

              ma attenti dove metterli

come disporre disfarsi

              politicamente contratti

questa è fatta così

              la soluzione migliore

ma perché disse se

              strumento di cambiamento

ma solo se unita a

              l’azione della gente

qualcosa che parlasse di

              rettamente al pubblico

più vicina alla vita

              un flusso di possibilità in

il desiderio di dar corpo a

              continua espansione

utopia ultimo urlo

              chi la legge la interpreta e

e le dà senso se non

Nanni Balestrini